Calcolo alte prestazioni: i bandi dell'impresa comune EuroHPC

Calcolo alte prestazioniPubblicati i bandi dell'impresa comune EuroHPC per il finanziamento di progetti di ricerca e innovazione sul calcolo ad alte prestazioni. A disposizione 55 milioni di euro.

> Horizon Europe - le universita' chiedono di aumentare il budget

I tre inviti rientrano nel programma di lavoro 2019 dell'EuroHPC Joint Undertaking.

> Calcolo alte prestazioni: il regolamento dell'impresa comune EuroHPC

EuroHPC, infrastruttura UE per calcolo ad alte prestazioni

L'EuroHPC Joint Undertaking, acquisirà, creerà e implementerà in tutt'Europa un'infrastruttura di calcolo ad alte prestazioni (HPC) all'avanguardia e sosterrà anche un programma di ricerca e innovazione per sviluppare le tecnologie e le macchine (hardware), nonché le applicazioni (software) destinate ai supercomputer.

Le attività si concentreranno su due ambiti:

  • infrastruttura di supercalcolo paneuropea per acquisire e predisporre nell'UE due supercomputer tra i primi cinque a livello mondiale e almeno altri due che si classifichino tra i primi 25 al mondo. Tali macchine saranno interconnesse con i supercomputer nazionali esistenti e messe a disposizione di utenti pubblici e privati in tutta Europa, per essere impiegate in oltre 800 campi di applicazione scientifici e industriali;
  • ricerca e innovazione per sostenere lo sviluppo di un ecosistema europeo di supercalcolo, stimolare un comparto industriale di fornitura di tecnologie e mettere risorse di supercalcolo in molti settori di applicazione a disposizione di un gran numero di utenti pubblici e privati, comprese le piccole e medie imprese.

L'impresa comune dispone di un budget di 1 miliardo di euro, di cui una metà proveniente dal bilancio UE - tramite il Meccanismo per collegare l'Europa (Connecting Europe Facility - CEF) e Horizon 2020 - e l'altra metà dagli Stati membri europei partecipanti. Risorse supplementari per un valore di 400 milioni di euro saranno messe a disposizione da partner privati.

Obiettivo di EuroHPC è acquisire, entro il periodo 2022-2023, sistemi con prestazioni pre-esascala (cento milioni di miliardi, vale a dire 1017, di operazioni di calcolo al secondo) e sostenere lo sviluppo di sistemi con prestazioni a esascala (un miliardo di miliardi, vale a dire 1018, di operazioni al secondo) basati su tecnologia UE.

I bandi 2019

L'EuroHPC Joint Undertaking ha stanziato 55 milioni di euro per tre bandi:

  • EuroHPC-01-2019  - Extreme scale computing and data driven technologies
  • EuroHPC-02-2019 - HPC and data centric environments and application platforms 
  • EuroHPC-03-2019 - Industrial software codes for extreme scale computing environments and applications 

Il primo bando finanzia Azioni per la ricerca e l'innovazione (RIA), mentre le altre due call supportano Azioni per l'innovazione (IA). Le domande devono essere presentate entro le ore 17.00 (ora locale di Bruxelles) del 14 gennaio 2020.

Anche l'Italia ha aderito al programma dell'impresa comune europea EuroHPC; il Ministero dello Sviluppo economico ha recentemente firmato l'accordo con la EuroHPC-JU per la seconda parte del programma (pillar 2), riguardante il cofinanziamento di progetti di R&I sul calcolo ad alte prestazioni.

Per il sottosegretario allo Sviluppo economico, Andrea Cioffi, che ha seguito personalmente il tema, "l'adesione dell'Italia a questa seconda fase del programma EuroHPC, orientata allo svilupppo di tecnologie ed applicazioni in questo settore strategico, sarà un mezzo efficace per accrescere la competitività del nostro Paese attraverso l'innovazione e la digitalizzazione delle imprese italiane."

Il mese scorso, nella prima parte (pillar 1) del programma EuroHPC, l'Italia è stata selezionata per ospitare uno dei primi calcolatori pre-exascale.

> Calcolo alte prestazioni: ok del Consiglio UE all'impresa comune EuroHPC

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.